Superbonus 110%: orientarsi tra unifamiliari, condomini e supercondomini

Il Superbonus 110% torna nel 2022 ed il mondo dell’edilizia sicuramente festeggia la conferma di questo bonus così ricco. Ma c’è troppa confusione.

Ma con i nuovi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate arrivano corpose novità e tanta confusione regna sovrana su questo bonus. Per l’edilizia è una grande opportunità e per i proprietari di immobili anche, ma è importante non fare confusione. La prima confusione da non fare e quella tra unità immobiliare unifamiliare ed altre tipologie. Per parlare di unifamiliare c’è bisogno di tre forniture che siano di titolarità autonoma. Quindi se non ci sono tre forniture che l’unità immobiliare riceve in modo autonomo non si può parlare di unità immobiliare unifamiliare. Forniture di luce acqua e gas condivise, impediscono questo tipo di qualificazione. Come sappiamo per le unifamiliari ci sono delle forti limitazioni perché il superbonus scade il 31 dicembre  2022, ma entro il 30 di giugno si devono aver completato almeno il 30% dei lavori.

Importante non fare confusione

Un’altra distinzione importante è quella tra condomini e supercondomini. Il condominio è quello in cui ci sono più unità immobiliari. In questo caso le scadenze sono molto più comode perché abbiamo che il Superbonus resta al 110% fino al 2023. Poi scende al 70% nel 2024 e poi ancora scende al 65% nel 2025. Al contrario per i supercondomini valgono delle normative un po’ particolari. Il Supercondominio è un condominio composto da più edifici.  Sostanzialmente ci sono le stesse normative dei condomini, ma con alcune precisazioni molto importanti. Innanzitutto le valutazioni di doppio salto di classe energetica vanno fatte per ogni singolo edificio e non per tutto il supercondominio. Sulla questione delle assemblee, l’Agenzia non si esprime essendo materia civilistica. Dunque l’Agenzia delle Entrate precisa che gli edifici vanno considerati in modo autonomo.

Leggi anche: Incentivi auto 2022: si lavora al nuovissimo Ecobonus. Piano green

Stessa cosa vale per le comunicazioni.

Leggi anche: Bonus facciate 2022: scatta al 60%, ma con le novità sui balconi conviene

Andranno fatte per ogni singolo edificio coinvolto dagli interventi e solo per questi.