Bonus casalinghe e casalinghi 2022: un aiuto vero, occhio alla scadenza

Casalinghe e casalinghi d’Italia svolgono un lavoro veramente impegnativo e non pagato. Ma ora arriva il bonus pensato per loro.

Questo bonus costituisce un aiuto interessante e non è il caso di perderlo. Il bonus casalinghe e casalinghi del 2022 è focalizzato proprio su una crescita di chi svolge questo lavoro, purtroppo non pagato.

Vediamo come funziona e a chi spetta. Cucinare, ordinare la casa, ma anche accompagnare i bambini a scuola ed occuparsi di mille faccende che sembrano non finire mai. La casalinga ed il casalingo fanno uno dei lavori più logoranti e massacranti di tutti, ma gravato dalla forte anomalia di non essere retribuito. Decisamente una grande nota stonata nella nostra società che non riconosce in alcun modo il fortissimo contributo di chi si occupa della casa e dei figli. Da tempo si discute di sanare questa anomalia, ma l’unica vera proposta in tal senso è l’introduzione del reddito di base universale europeo che però è attualmente solo una proposta e che comunque sia non potrà arrivare in tempi brevi. Ma dal governo arriva il bonus casalinghe e casalinghi.

Riqualificare per il lavoro

Questo bonus mira ad una riqualificazione profonda di chi svolga il lavoro di casalingo o casalinga al fine di far acquisire competenze utili da spendere concretamente nel mondo del lavoro. Questo bonus punta infatti proprio a consentire l’ingresso di casalinghe e casalinghi nel mondo del lavoro tramite la fruizione a titolo completamente gratuito di corsi di formazione on-line. Dunque attraverso questi corsi di formazione da seguire comodamente da casa la casalinga, sarà messa in condizione di appropriarsi di quelle skills che le possono consentire di trovare un’occupazione.

Come usufruirne

L’articolo 22 del decreto-legge n.104 del 14 agosto 2020 convertito, nella legge n.126 del 13 ottobre 2020 ha avuto il merito di creare il Fondo per la formazione personale delle casalinghe e dei casalinghi. Parliamo di un fondo strutturale al quale sono destinati tre milioni euro per ogni anno. Sono tanti i corsi online ai quali si può partecipare. C’è la creazione di contenuti per il web, ma anche tante altre competenze squisitamente digitali e non.

Leggi anche: Nuovo Bonus luce, gas, acqua: quanto ti spetta nel primo trimestre

Leggi anche: Casalinghe e disoccupati: può arrivare il Reddito di Base, ma c’è un ostacolo

Ma chi vi può avere diritto? Per beneficiarne bisogna essere iscritti all’assicurazione obbligatoria Inail contro gli infortuni domestici, conformemente all’articolo 7 della legge n.493 del 3 dicembre 1999. Ma ovviamente si può partecipare unicamente a corsi che siano stati appositamente accreditati. Ogni ente che voglia essere accreditato deve fare domanda via pec entro le 12 del 31 marzo 2022.