Bonus Casa: libertà, arriva la soglia entro cui non hai vincoli e spese

I Bonus Casa sono davvero nel caos. C’è chi dice che ormai due cantieri su tre siano paralizzati dalla stretta sulla cessione dei crediti.

Ma c’è una soglia entro cui questi bonus sono ancora amichevoli e tanti italiani potranno approfittarne. Da quando si sono scoperti i 4 miliardi di euro di frodi sul bonus casa si è scatenato il putiferio. Da una parte il Governo li confermava sostanzialmente inalterati con l’ultima legge finanziaria, ma dall’altra faceva partire il decreto anti frodi. Il decreto anti frodi ha creato un certo caos ma in definitiva nulla di drammatico. Dunque sembrava che tutto fosse rientrato. Nel 2022 i bonus casa erano tutti confermati e l’unica nota stonata era il bonus facciate diminuito al 60%. Ma in compenso era arrivato il bonus per la rimozione delle barriere architettoniche che valeva il 75%. Insomma sembrava tutto a posto. Ma i veri problemi sono arrivati con la soglia ad una sola cessione del credito. Questa stretta ha creato il panico nel mondo dell’edilizia e come si diceva prima pare che addirittura due cantieri sul tre siano ormai paralizzati.

La soglia entro cui non hai problemi

Ma c’è una soglia entro cui il bonus è decisamente ancora praticabile. È l’Agenzia delle Entrate a fare un importante chiarimento. Alla pagina delle domande e risposte dell’Agenzia delle Entrate viene chiarito come con l’ultima legge di bilancio si è stabilita una soglia entro cui non c’è bisogno di visto di conformità ed asseverazione. E questa soglia è pari a €10.000. Dunque tutti quei bonus casa che non siano il superbonus e che complessivamente siano entro i €10.000 non avranno bisogno di visto di conformità ed asseverazione. Certamente questi lavori così diventano molto più amichevoli e meno dissuasivi, ma la paura è che la bomba sulla cessione dei crediti crei un effetto domino.

Leggi anche: Superbonus nel panico: due terzi dei cantieri fermi per stretta su cessione

Ad essere nel panico sono tutti coloro i quali hanno cantieri aperti.

Leggi anche: Cessione 110%: disciplina transitoria, tutte le nuove date e quelle scadute

Ma anche chi pensava di usarlo ci sta ripensando.